Cerca
  • Giorgio Ghiotti

Ricominciamo... Finalmente !!!

Aggiornato il: 19 set 2020

Dal 18 maggio si potrà ripartire dopo il lungo stop imposto dall'emergenza Corona Virus; quasi 3 mesi di lock-down, in cui le nostre vite sono state stravolte e con loro le nostre abitudini sociali; potremo ricominciare a uscire e frequentare i nostri locali preferiti, il bar sotto casa e l'aperitivo in centro.


Inizialmente saremo un pò distanti, mascherati e a piccoli gruppi, cercando di rimanere distanti quanto basta, ma non troppo; ma pian piano tutto riprenderà e sarà legato a quanti di noi ricominceranno a mangiare fuori casa, per lavoro o per diletto, ma tutto ripartirà da NOI!


Soprattutto il mondo delle piccole realtà, magari con pochi coperti e per lo più a dimensione familiare, avrà bisogno del sostegno dei propri clienti, sia perché lo Stato sembra non aver capito quali misure sarebbe stato meglio adottare, sia perché spesso queste realtà nascono dal desiderio di mettersi in proprio e non sempre hanno le spalle larghe per far fronte a una tempesta come questa del Corona Virus, tra l'altro in un settore dove la sopravvivenza nel lungo periodo è già difficile di per sé.


Gli addetti ai lavori dovranno mostrare una maggior solidarietà di quella mostrata dal governo, nel rapporto tra fornitori e clienti, tra datori di lavoro e lavoratori, tra locali e avventori.


Il motivo principale è che le restrizioni porteranno a una fisiologica ed inevitabile flessione delle entrate, in molte realtà che spesso si trovavano in bilico in tempo di "Pace"; Si dovrà ripartire con costi e staff calcolati su un numero di coperti maggiore ed è su questo calcolo che si giocherà la partita e il destino di molte attività.


Continuare a fare Asporto


Un altro aspetto cruciale riguarda i locali che hanno iniziato ad aver a che fare con il Delivery e Take Away in questi giorni di Lock-Down dedicando la propria struttura unicamente a questo, con consegne a domicilio e proposte nuove; di sicuro sarà un'opportunità per ampliare il proprio pubblico, e cercare di "compensare" ai minori incassi maturati all'interno del locale con la riduzione dei coperti ma l'idea dovrà essere ben organizzata e calcolata per renderla anche competitiva e di qualità. Dunque niente improvvisazione!


Rivedere il menù per soddisfare sia il palato e la vista dei clienti seduti in sala e quelli comodi sul divano di casa, migliorare le procedure di preparazione, conservazione e rigenerazione, calcolare un food-Cost che tenga conto di nuove voci di spesa come imballaggi da asporto preferibilmente eco-friendly, personale addetto al Delivery ed eventuali costi per l'utilizzo di App di ordinazione e consegna.


Insomma sarà una grande sfida piena di insidie e difficoltà dove dovremo far valere doti di sacrificio e creatività, perché mai come ora dipenderà da tutti Noi!


27 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Ghost Kitchen